I primi 50 anni delle Suore Marcelline a Tricase

ottobre 1961 - ottobre 2011

Dalla Residenza Municipale,
13 ottobre 2011.

Il Commissario Straordinario nella certezza di interpretare i sentimenti della Città, intende esprimere l’apprezzamento e la riconoscenza per la intensa attività svolta dalle Suore Marcelline a beneficio della Comunità tutta di Tricase, iniziata nel 1961 con l’Oasi e proseguita con l’Ospedale e con l’Hospice Casa Betania, strutture a servizio della Persona e dei suoi bisogni nella sofferenza della malattia.

Ringrazia l’intera Comunità delle Suore Marcelline, nella persona di Suor Margherita Bramato e augura un felice e sereno lavoro

Il Commissario Straordinario - Dott. Guido Aprea

 


 

Tricase - ottobre 1961: il gruppo delle prime suore Marcelline.
In prima fila da sinistra: sr. Pina Leuzzi, sr. Cristina Cozzi, sr. Giuseppina Gatti, sr. Speranza Mariani.
In seconda fila da sinistra: la novizia sr. Maria Presicce e la postulante Teresa Giuri.
[Foto di sr. Pina Leuzzi]

«Noi suore giungemmo da Lecce a Tricase, precisamente l’otto ottobre 1961, ricorda sr. Pina Leuzzi. Nel gruppo delle suore: suor Giuseppina Gatti, suor Speranza Mariani e suor Cristina Cozzi; io invece, giovane “professina”, provenivo da Milano, dove avevo appena concluso il noviziato».

Il primo gruppo di suore lavorò intensamente per preparare l’inaugurazione e rendere funzionali i locali, adibiti alle varie attività.

«Dopo una settimana o poco più, fu aperto l’Oratorio domenicale, continua sr. Pina, che dal 1970 dirige l’Ufficio accettazione e ricoveri dell’ospedale. Vi partecipavano ragazze di Tricase e delle frazioni. Erano oltre cento e le dividemmo in cinque gruppi. Per aiutarci venivano altre suore da Lecce: suor Anna Raffaella Pellegrino, che dallo scorso anno, ora è qui a Tricase come vice-superiora, suor Lina Marsiglia e suor Grazia Semeraro. L’oratorio domenicale comprendeva: la catechesi, le attività ricreative come proiezione di film, recite, gite e passeggiate.

Le attività si concludevano con la recita del S. Rosario e la benedizione nella cappella dell’Oasi. La parte spirituale era curata dal parroco, mons. Zocco».

Dopo un po’ di tempo fu aperta la Scuola di ricamo per giovani di Tricase e dintorni: «Erano più di 40 - ricorda ancora sr. Pina - e provenivano da Tricase e dintorni. L’attività iniziava al mattino, dopo la pausa colazione, che le ragazze portavano con sé e proseguiva fino alle 17.00. Del gruppo era responsabile suor Cesira Guglielmo, tuttora a Tricase».

Un altro intervento riguardò l’istituzione del doposcuola gratuito per i ragazzi e le ragazze della scuola dell’obbligo: iniziava alle due pomeridiane; responsabile ne era la stessa suor Pina. L’anno dopo si pensò di aprire una scuola di taglio e cucito per le giovani di Tricase e i paesi vicini. Alla fine dell’anno vi era l’esame per conseguire il diploma di taglio e cucito.

Non passarono molti anni e nacquero le prime vocazioni tricasine della nostra congregazione. Le prime suore Marcelline di Tricase furono suor Anna De Iaco e suor Rosa Nicolardi, alle quali seguirono molte altre comprese quelle di paesi vicini. Le attività dell’Oasi continuarono così fino al 1° ottobre 1967, data d’inaugurazione dell’ospedale: ma quella è un’altra storia», conclude sorridendo sr. Pina.

 


 

Occorre essere grati alle suore Marcelline per aver accettato il provvidenziale invito rivolto loro dal cardinale Panico e per questi 50 anni di loro presenza tra noi. Hanno fatto crescere l’ospedale ed è cresciuta anche la città, con la quale si è stabilito un reciproco rapporto di affetto. Ringraziamo tutte le suore, in particolare quelle che si sono avvicendate a Tricase in questa metà di secolo o che, comunque, si sono spese per le opere a beneficio di questo territorio: sono tante - attualmente a Tricase sono 31 - e non potendole ringraziare una per una, lo facciamo nella persona direttrice generale dell’Azienda ospedaliera “Card. G. Panico” e superiora della locale Comunità: grazie suor Margherita e ad maiora semper! [da Il Volantino, settimanale cittadino di Tricase]

 

 

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare in questo sito, concordi con la nostra politica sui cookie.