Renovatio Vitae

Campora (BO) Casa Santa Marcellina, 18 luglio – 8 agosto 2015

La Casa di preghiera S. Marcellina, a Campora

Alla Renovatio Vitae di quest’anno hanno partecipato 11 giovani suore provenienti, non solo dall’Italia, ma anche dal Messico e dal Brasile: suor Alma (Tommaseo), suor Araceli (Querétaro), suor Giusi Elia( Bolzano), suor Marisol (Città del Messico), suor Maria Rita (Casa Generalizia), suor Rosanna Dondé (Bolzano) e cinque suore brasiliane : Suor Luceni, Suor Luciene, Suor Maria Amélia, Suor Patricia e Suor Vania Maria.

Il gruppo delle giovani suore con Madre Maria Angela e le tre formatrici

Le Brasiliane, che avevano fortemente auspicato di partecipare alla Renovatio in Italia, hanno trascorso la prima settimana a Campora, una settimana molto ricca di scambi e di incontro fraterno. Le nostre consorelle d’oltremare vi hanno portato l’entusiasmo tipico del loro Paese, il desiderio di condividere speranze e aspirazioni, nonché un grande senso di riconoscenza per le suore che hanno fondato la Congregazione in Brasile.

Ormai i tempi sono maturi per costruire ponti e lavorare insieme. L’ostacolo linguistico è stato presto superato anche grazie alla presenza di suor Marinez che le accompagnava.

Secondo il programma convenuto, ciascuna si è prima collocata in una delle icone bibliche degli inizi (creazione, Abramo ecc.) al fine di prendere consapevolezza della Renovatio, come di un tempo propizio per rinnovare il primo amore, nella concretezza della vita.

In seguito, un itinerario artistico-spirituale ha fatto riflettere sul volto di Dio, del credente e della Chiesa, così come si manifesta in alcune opere artistiche visitate.

Ravenna - S. Apollinare Nuovo – Corteo delle Vergini

La simbologia dei mosaici ravennati, i volti di Cristo a Firenze, gli elementi architettonici nella Chiesa del post-Concilio di Riola hanno ispirato gli interventi delle suore presenti ed hanno fatto riflettere su come la fede si manifesta attraverso i secoli e su come la consacrata s’impegna ad un dialogo continuo con il Suo Signore, all’interno di una comunità e della Chiesa locale.

Ravenna - S. Apollinare in Classe – Mosaico dell’Abside (VI° sec.) rappresentante S. Apollinare

Firenze – S. Marco – Fra Angelico: Il volto di Gesù risorto

Chiesa di Santa Maria Assunta (Riola di Vergato – Bologna)

Questo primo incontro in cui erano presenti suore italiane, messicane e brasiliane sembra veramente riuscito. E ‘chiaro ormai che dobbiamo essere più agili ed accettare di decentrarci per andare incontro all’altra.

 

**************

 

La seconda settimana si è aperta con una due giorni della dott.sa Anna Parravicini, psicologa, che ci ha aiutato a prendere consapevolezza di noi stesse, degli obiettivi che ci prefiggiamo e di come stiamo conducendo la nostra vita.

In particolare, si è soffermata sulle emozioni. La scoperta del Volto di Dio passa per me anche attraverso le mie emozioni più vere e profonde.

Firenze- S. Marco - Fra Angelico: il volto di Gesù risorto

Quindi, sollecitate da suor Elsa, ciascuna è andata a cercare nel suo cuore le parole del carisma sulle quali ci fondiamo: l’essere madri e, quindi, sorelle, la sodezza della nostra spiritualità, l’essere Marta e Maria, il metodo benedetto “dello stare con”, la santità, la missione.

Cernusco sul Naviglio – Casa-Madre delle Suore Marcelline.
Lunetta rappresentante Gesù con Marta e Maria

Alla fine della seconda settimana, don Gianni Cova ci ha brevemente fatto scoprire la ricchezza dei significati del sabato: legato alla creazione ma anche alla liberazione: il “sabato” sarà, poi, vissuto da Gesù attraverso la liberazione dalla malattia e perfino dalla sepoltura, quando il Risorto scenderà a liberare chi giaceva nell’ombra della morte.

Don Gianni Cova

La terza settimana, arricchita anche dalla presenza di altre formatrici e formande, è stata dedicata ad uno sguardo sul Cantico dei Cantici.

Testo atipico del post esilio, che si è rivelato essere una parola dell’amore divino sull’amore umano. Il Cantico ci dice che l’alleanza è ancora possibile, il paradiso è il compiersi della Parola di Dio su di noi.

Molto interessante e proficuo è stato scoprire la coincidenza con altri testi biblici.

Su questo testo, che ci mostra come l’amore umano è capace di ospitare qualcosa che va oltre se stesso, come la mia umanità può ospitare l’amore di Dio, ci siamo congedate, non prima di aver fatto la valigia spirituale relativa ai passi da fare a livello personale, comunitario e di Congregazione.

Abbiamo vissuto davvero una tappa significativa del nostro cammino, che ci ha arricchito, aiutato ad andare nel profondo di noi stesse ed ha aperto nuove strade.

(suor Manuela Testoni)

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare in questo sito, concordi con la nostra politica sui cookie.