Clicca sulla bandiera per la traduzione portoghese

 

 

Casa Madre, 26 aprile 2002

 

Carissime, con tanta emozione e commozione oggi festeggio questa data.

Da quando il 7 settembre 1942, alla presenza del Card. Schuster, in questa cappella, ho emesso i primi voti, non ho mai pensato che nella stessa cappella, sessant'anni dopo, avrei rinnovato la stessa celebrazione.

Quando in marzo sono arrivata qui, suor Rosy mi ha consegnato il biglietto di invito del Cardinale. Sono rimasta sorpresa, ma tutto è predisposto dal Signore per il nostro maggior bene.

In questo periodo di riposo e di trattamento medico che la madre Maria Angela con tanta bontà mi ha offerto, ho avuto modo di più riflettere, di più pregare per vivere in pienezza questa data.

 

 

Ed oggi con il cuore traboccante di gioia, ringrazio il Signore per questi sessant'anni di dono e di fedeltà alla sua misteriosa chiamata, per questi sessant'anni di vita donati al suo servizio nell'amore ai fratelli nelle varie circostanze.

Ringrazio Madre Elisa, madre Maria Paola, Madre Maria Angela, che, oggi felici con me, con tanta saggezza, con molto amore materno, e soprattutto con la luminosa testimonianza della loro vita, mi hanno sempre aiutato a collocare Dio al primo posto per il buon esito dell'opera.

E oggi sembra una combinazione, ma è anche questa una speciale grazia del Signore, sono qui con me alcune suore delle Case da cui sono passata : Genova, Foggia, Lecce,...ed il Brasile!!!

Posso dir loro che le ricordo nella mia preghiera e mi affido ala loro per me, perché la Madonna mi aiuti a realizzare quanto suor Elisabetta mi ha insegnato e io dico ogni mattina, uscendo di chiesa : voglio che oggi il Bambino Gesù non pianga.

Buon viaggio a tutte le pellegrine per Lourdes con molte, molte benedizioni della Madonna.